Modella troppo magra su Topshop: scoppia il putiferio

Da giorni Topshop si trova al centro di un vortice di polemiche a causa di una pubblicità che sembra proporre modelli di riferimento sbagliati. In particolare il gigante del fast fashion è stato costretto a rimuovere una foto dal suo sito web dopo le lamentele sulla modella protagonista, “troppo magra” secondo le accuse. Le immagini di una modella adolescente, Codie Young, sono state criticate dagli attivisti in quanto potrebbero favorire disturbi alimentari.

La foto originale vede la giovane australiana Codie posare con un abito blu in stile rétro, grandi occhiali da sole tondi e lunghi capelli lisci. Il Daily Mail è stato fra i primi a criticare l’immagine, affermando che la scelta di utilizzare gli occhiali da sole nella campagna è stata fatta “per nascondere gli occhi infossati – un sintomo chiaro di sottonutrizione”.

Il marchio di moda risponde alle accuse dicendo: “Topshop crede fermamente che Codie sia una donna giovane e sana … Tuttavia, riconosciamo con rammarico che l’angolo di ripresa di questa immagine falsa le proporzioni del corpo di Codie, facendola sembrare con la testa più grande e il collo più lungo rispetto alla realtà”.

Per difendersi dagli attacchi Codie Young ha pubblicato un lungo post sul suo blog nel quale spiega come sia rimasta sconvolta dai commenti da parte di specialisti in disturbi alimentari, che hanno sostenuto il Daily Mail definendola “una scheletro”. “Questo è molto offensivo per me – spiega Codie – perché io sono magra di natura, e chi mi conosce sa bene che sono sempre stata così”.

In un’intervista a WWD Codie ha continuato a parlare apertamente della questione, dicendo: “Solo perché sono una modella non significa che si può attaccare senza alcun tipo di esitazione. Voglio dire, io ho un blog in cui scrivo spesso sui nuovi ristoranti che amo e i nuovi negozi di alimentari gourmet che trovo viaggiando in tutto il mondo. Se guardate il mio blog, potreste dire che amo il cibo spazzatura “.

Dopo aver lavorato per Chanel, Chloé, Marni, Lanvin e Dries Van Noten, non penso proprio che tutto questo possa influire negativamente sulla sua carriera. Magrezza non è assolutamente sinonimo di anoressia, ma qualora il confine venisse valicato la moda saprebbe riconoscerlo? Io ne dubito. E voi?

 

0 Comments

    Lascia un Commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *