Anche Skechers indagata per pubblicità ingannevole

Proprio come Reebok, costretta a rimborsare 25 milioni di dollari ai suoi clienti, anche Skechers è indagata dalla FTC per le sue cosiddette “scarpe tonificati”, le ormai note Shape-Ups. La motivazione è sempre la stessa: non si può indurre all’acquisto di una scarpa definendola “tonificante” quando tutto ciò non può essere dimostrato scientificamente.

Dal canto suo Skechers continua a difendersi, ma i bene informati dicono che se le pretese tonificanti delle Shape-Ups si scoprono essere infondate, l’azienda rischia di dover pagare un rimborso ancora più salato di quello toccato a Reebok.

A questo punto non ci resta che attendere ulteriori risvolti. Non temete, vi terrò aggiornati!

 

0 Comments

    Lascia un Commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *