Trattamenti post vacanze: attenzione allo scrub

Ore e ore come lucertole al sole per ottenere quella tanta rincorsa tintarella e adesso, tornate alla nostra vita quotidiana, tra ufficio, casa e sacchetti per la spesa, ci ritroviamo con la pelle a macchie caffelatte, in perfetto stile manto di leopardo o cartina geografica di Alviero Martini 1° Classe. Che tristezza!

Occorre metterci l’anima in pace e lasciare andare l’abbronzatura là dove vuole andare, nello scarico della doccia. Il metodo più veloce per liberarcene? Lo scrub, ma attenzione perché potremmo anche danneggiare la nostra pelle.

Da tanti considerato come il trattamento più efficace ed indicato per migliorare l’aspetto della cute, lo scrub nasconde, invece, qualche insidia, specie se effettuato più volte al mese. Soggetti a rischio le persone (uomini e donne) con pelle particolarmente sensibile, iperreattiva e con cuperose. Parola d’ordine: informarsi, evitando in assoluto scrub fai da te, magari miscelando prodotti diversi.

scrub-corpo-abbronzatura

Lo scrub dovrebbe essere effettuato mediamente una volta al mese, possibilmente scegliendo  tecniche di esfoliazione molto delicate, con sostanze non schiumogene che non seccano la pelle. Sbaglia chi pensa che sia necessario farlo spesso, ad esempio una volta a settimana, per mantenere la pelle più giovane. Al contrario in questi casi si possono ottenere effetti contrari a quelli desiderati soprattutto se si è in presenza di pelli particolarmente sensibili o iperreattive o con cuperose. La cute infatti può risentire molto negativamente dell’uso frequente di scrub in quanto potrebbe accentuarsi la tendenza al rossore” avverte la dottoressa Maria Grazia Caputo, medico estetico, titolare di un noto studio di Roma.

Se avvertite la necessità di uno scrub post vacanze fatelo dunque, ma una sola volta in un mese. In alternativa preferite metodi più “soft”, come lunghi bagni caldi con oli rigeneranti da massaggiare sulla pelle con l’aiuto di una spugna non troppo abrasiva. Idratare, idratare, idratare sempre, non lo dimenticate!

0 Comments

    Lascia un Commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *