Fashion Tips: come scegliere l’abito da uomo

Il post di oggi è dedicato a tutti gli amici uomini che leggono questo blog e che in questo momento si stanno chiedendo: come scegliere l’abito da uomo?

Se per camuffare fianchi abbondanti, pancetta e altri  piccoli “difetti” fisici, una donna può ricorrere a diverse strategie (l’intimo modellante è una di queste), per l’uomo l’alternativa alla dieta drastica è scegliere il perfetto abito sartoriale. Su come nascondere i difetti con una buona giacca, abbondano i luoghi comuni e l’errore è dietro l’angolo. Chi l’ha detto, per esempio, che vestire larghi sia la soluzione a tutto?

Pino Peluso, storico sarto partenopeo, forte della miglior tradizione sartoriale italiana, ne è certo: “Nascondere qualche rotolino in più si può ed è più semplice di quanto sembri”. “Un buon sarto taglia direttamente sulla stoffa – spiega – E’ una tecnica che permette di evitare la semplificazione del carta modello che rischia di mortificare le forme a favore di una taglia standard. Nulla di più sbagliato. Anche il mezzo centimetro nel punto giusto è prezioso per rendere armonica la figura. Testa, spalle e torace devono rispettare precise proporzioni possibili con l’aiuto di un sarto esperto”.

Ecco dunque come scegliere l’abito da uomo per ottenere, da capo a piedi, la tanto agognata silhouette.

  • Il davanti gioca sulle pieghe. Tra le ascelle e i fianchi solitamente c’è una incavatura. Se siete un po’ fuori forma, è probabile che spunti qualche rotolino di troppo. Con una pence sulla giacca si riesce a dare una forma più sfiancata, eliminando la rotondità e lo sgradevole “effetto uovo”.
  • Evitare il tre bottoni. La prospettiva laterale è la più critica per chi ha un po’ di pancia. Assolutamente da evitare i tre bottoni che evidenziano la chiusura attirando l’attenzione proprio laddove vogliamo evitarla. Meglio due bottoni calati al punto giusto, pochi millimetri sopra l’ombelico. Per un gioco ottico, il ventre si appiattisce.
  • La lunghezza della giacca deve esser perfetta. Soprattutto mai troppo lunga, per evitare di rendere tozza la figura. Attenzione a non incappare però nella figuraccia di una giacca troppo corta!
  • Sì alle spalle larghe. Facile che i chili di troppo rendano le spalle cadenti e spesso più piccole del bacino. Il trucco è irrobustirle per restituire al corpo l’armonia allineando i due diametri.
  • Il pantalone vuole il taglio alto. Proibito portarlo sotto la pancia anche se sembra più comodo. Un errore comune è tagliarlo basso, con conseguente effetto marsupio sul cavallo e fuoriuscita della pancetta, soprattutto quando ci si siede. Un taglio alto permette di nascondere la pancia dentro la pence.
  • La cintura. Sì alla cintura ma anch’essa poggiata sui fianchi, fasciando la pancia. In questo modo, contrariamente a quanto si pensi, non costringe e risulta più comoda.
  • I colori. Sempre bene gli scuri anche se non è necessario ricorrere ogni volta al nero. La regola d’oro è evitare i colori sgargianti dando la precedenza a tutte le sfumature del grigio, del blu e del legno.
  • Le fantasie. Meglio optare per la sobrietà. Assolutamente proibiti i quadri e ogni fantasia eccentrica. Se proprio non potete rinunciare a un tocco estroso, vanno bene le righe purché restino sottili e low profile.
[photo credits: wmagazine.com]

No Comments Yet.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *