The Bridge rivisita la postina, borsa icona degli anni ’70

Quando il postino o la postina arrivava a piedi o in bicicletta, accadeva una specie di magia; portava le news di un parente lontano o dava la notizia che si aspettava da mesi. Soppiantate dalla volatilità di whatsapp o delle mail, il ricordo del postino con la sua borsa a tracolla carica di lettere scritte a mano ha fatto fatica a sparire dall’immaginario collettivo.

Nata nel dopoguerra, la postina, la borsa, divenne una vera e propria messaggera d’amore ma anche simbolo di unificazione e unità (serviva ad unire, un’Italia divisa in mille dialetti, usi e costumi). La postina The Bridge nasce negli anni ‘60’/70, come evoluzione naturale della borsa usata dai postini e da allora in poi rimarrà un classico di tutte le collezioni future.

Per la nuova collezione Primavera/Estate 2017 il marchio rivisita questa borsa icona selezionando accuratamente le pelli e seguendo l’arte e la tradizione conciaria toscana per renderla resistente e leggera allo stesso tempo. Dal momento che la pelle è conciata in modo naturale ogni borsa può presentare delle differenze nel colore e nel pellame, come venature e piccole imperfezioni tipiche della lavorazione The Bridge. Infine la pelle viene tagliata e cucita a mano secondo i dettami della lavorazione dei maestri artigiani per assumere la tipica forma stondata con la patta. I dettagli, la piccola nappina in pelle la arricchisce rendendola molto femminile. Comoda soprattutto perché consente di portare tutto il necessario mentre si è in movimento in bicicletta, in moto o semplicemente in giro per la città grazie alla tracolla.

I dettagli sono in oro e le nuances per la prossima Primavera/Estate 2017 sono rosso ribes, blu pioggia e giallo girasole oltre ai classici cognac e marrone. Un piccolo gioiello da sapore vintage che arriverà nei negozi da metà marzo. Che ne dite?

No Comments Yet.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *